Gli array monodimensionali nel Fortran


FORTRANUn array monodimensionale rappresenta una struttura dati complessa, statica e omogenea, usata in molti linguaggi di programmazione derivante dalla nozione matematica di vettore. Più precisamente, l’array è in genere classificato come un costruttore di tipo: in altre parole, esso consente di definire nuovi tipi di dati a partire da tipi preesistenti.

Nel Fortran la dimensione di un array può essere specificata da un’istruzione di specifica del tipo :

REAL, DIMENSION(10) :: A
INTEGER,DIMENSION(0:9):: B

Qui, i due array A, B sono stati quotati con 10 scanalature di memoria. L’ indice dell’array reale A inizia da 1 mentre l’indice per l’array B parte da 0. Il valore dei diversi elementi dell’array A può essere inizializzato a 1, 2, 3…, 10 da uno dei due metodi:

A = (/ 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 /)

o,

A = (/ (I, I = 1, 10) /)

L’assegnazione dei valori di un array ad un altro è permessa a condizione che entrambi gli array in questione abbiano la stessa dimensione fisica. Per esempio:

B = A

assegna i valori precedentemente assegnati all’ array di A all’ array B. Gli operatori e le funzioni applicate normalmente alle espressioni semplici possono anche essere applicati agli array che hanno lo stesso numero di elementi. Per esempio,

A = A + B C = 2*C

assegna all’elemento ith di A il valore della somma degli elementi ith degli array A e B. In modo analogo all’elemento ith dell’array C è assegnato il valore uguale all’elemento ith di A moltiplicato per 2.

Il costrutto WHERE può essere usato per assegnare i valori ai diversi elementi d’un array; vediamo come:

WHERE ( la sequenza di argomento logico)
       ISTRUZIONE di assegnazioni di array !Blocco 1
ELSEWHERE
       ISTRUZIONE di assegnazioni di array !Blocco2
END WHERE

Per esempio, se ad A sono assegnati i valori

A = (/ (I, I = 1.10) /)

allora, possiamo studiare la possibilit`a di assegnare gli elementi del- l’ array B come:

WHERE (A > 5)
       B = 1
ELSEWHERE
       B = 0
END WHERE

Ciò assegna alla B i valori 0, 0, 0, 0, 0, 1, 1, 1, 1, 1. Parecchie funzioni intrinseche sono disponibili per elaborare gli array. Alcuni di queste sono:

  • DOT_PRODUCT(A, B) :restituisce il prodotto scalare di A e della B.
  • MAXVAL(A) :restituisce il valore massimo degli elementi dell’array A
  • MAXLOC(A) :restituisce la locazione di memoria del valore massimo di A
  • PRODUCT(A) :restituisce il prodotto degli elementi di A
  • SUM(A) :restituisce lasomma degli elementi di A

Un array può essere allocatable ,cioè, può essergli assegnato la locazione di memoria durante l’esecuzione. La dichiarazione di un array allocatable reale A,si effetua nel modo seguente:

REAL, DIMENSION(:), ALLOCATABLE :: A

Al tempo di esecuzione, i limiti reali per l’array A possono essere determinati dall’istruzione

ALLOCATE (A(N))

dove la N è una variabile numero intero che precedentemente è stata assegnata. Per accertarsi che abbastanza memoria sia a disposizione per assegnare lo spazio per il vostro array, usare l’opzione STAT del comando di ALLOCATE nel seguente modo:

ALLOCATE (A(N), STAT = AllocateStatus) IF (AllocateStatus /= 0)
                        ARRESTO ” * * * non abbastanza ***” memoria

Qui, AllocateStatus è una variabile del tipo numero intero. AllocateStatus prende il valore 0 se la ripartizione riesce o un certo altro valore dipendente dalla macchina se la memoria è insufficiente. Un array può essere liberato dalla memoria usando il comando DEALLOCATE

DEALLOCATE(A, Stat = DeAllocateStatus)

Di nuovo, DeAllocateStatus è una variabile del tipo numero intero il cui valore è 0 se la cancellazione dell’assegnazione riuscisse.

LINK DI APPROFONDIMENTO PER L’ARGOMENTO:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>